LOGIN


ITA  ENG  RUS  CIN
Siamo in un momento di grande incertezza. Non solo politica, ma soprattutto economica.È chiaro che le autorità, dal canto loro, propendono per dichiarazioni che spingono all'ottimismo per quanto concerne la crescita e la ripresa economica, dall'altra parte è altrettanto vero che se l'Europa ha ripreso a crescere, questa ripresa è resa meno stabile da una serie di fattori non secondari. Al primo posto, evidentemente, il lavoro, con l'aumento degli occupati sopravanzato dall'aumento dei contratti part-time, all'insegna di un “lavorare meno, lavorare tutti” che però in gran parte fa sbiadire le cifre sull'incremento dell'occupazione giovanile. Il quadro politico-economico è un altro elemento di profonda incertezza: il crescente protezionismo, soprattutto in America, ma non solo, fa sì che le aziende europee incontrino in media il 10% in più di barriere doganali rispetto anche solo ad un paio di anni fa, una cifra che da sola esprime molto più di tanti discorsi. Anche la Brexit che...


In Germania segnali positivi sul fronte del mercato del lavoro, ma non su quello dei consumi.L'Agenzia del Lavoro tedesca ha reso noto che a fine gennaio il tasso di disoccupazione...




E' una frenata quella registrata da Renault nel 2012. La casa automobilistica francese ha annunciato, per l'anno appena chiuso, un calo del 6% nelle vendite di automobili. Causa...




L'idea che vede la regione del Caspio come uno dei principali fornitori di petrolio e di gas e' lontana dalla sua realizzazione. La causa e' oggettiva: anziche' crescere l'estrazione...




Nessuna ripresa economica fino al 2014, perché quest'anno a fare da zavorra ci sarà l'eurozona. Il Fondo Monetario Internazionale rivede al ribasso le stime di ottobre ma conferma una...




Sembra definitivo l'addio della Cina a quelle crescite a doppia cifra che dieci anni fa lasciavano a bocca aperta l'economia mondiale. Nonostante un'accellerazione nell'ultimo...




La crisi economica, ma anche il caro-carburanti, il caro-assicurazioni e l'overdose di imposte, hanno dato il colpo di grazia al mercato dell'auto in Italia checon il 2012 chiude un...




Il surplus commerciale della Germania e' di nuovo in rialzo a novembre, a 17 miliardi di euro, contro i 15,7 miliardi di ottobre, malgrado un netto calo delle esportazioni. Lo indica...




Il produttore d'acciaio Mittal non è più il benvenuto in Francia. A dichiararlo il ministro del Riassetto Produttivo francese Arnaud Montebourg che ha accusato il colosso, che nel 2006...


SPONSOR

Abbonarsi conviene: conoscere in tempo reale le novità del settore ti mantiene un passo avanti a tutti. L’abbonamento è uno strumento indispensabile per essere aggiornati quotidianamente su quanto accade nel settore e per avere risposte precise e puntuali alla proprie necessità e aspettative di informazione.

CERCA NEL SITO