LOGIN


ITA  ENG  RUS  CIN

 Ungheria, ogni mese un taglio dei tassi di interesse

Il caso Giappone comincia a fare scuola anche in Europa. La Banca centrale ungherese guidata dall'ex ministro delle finanze György Matolcsy (con buona pace dei sostenitori dell'indipendenza dei vertici della politica monetaria) ha appena annunciato un nuovo abbassamento dei tassi di interesse di riferimento. Nel Paese è diventata ormai una vera e propria strategia per rilanciare la crescita: ogni mese, a partire da agosto dell'estate scorsa, il costo del denaro è stato ridotto di un quarto di punto percentuale. Risultato: in dieci mesi siamo passati dal 7% al 4,5%. Inutile preoccuparsi dell'inflazione: ad aprile il tasso è sceso all'1,7%, ben al di sotto dell'obiettivo. Obiettivo delle misure di allentamento monetario: coltivare quel 0,7% di crescita che, nel primo trimestre, ha visto il Paese tra i pochi a rimanere fuori dalle spire della recessione. Il problema per Budapest si chiama, invece, deficit: il Paese è bloccato da 9 anni nella procedura di disavanzo eccessivo. Dopo un 2012 di profonda recessione, il governo del primo ministro Viktor Orbán ha messo in campo una serie di nuove tasse, assicurando che nel 2013 rientrerà sotto il 3%. Ma l'Unione europea non ne è così convinta: la sua previsione è per il 3,4%. Questo mercoledì difficilmente Bruxelles potrà sancire l'uscita del Paese dalla procedura. Le prospettive economiche, in un Paese che preoccupa molti per le derive autoritarie del suo governo, sembrano comunque migliori che altrove. La fiducia dei consumatori è ai massimi da due anni, e il programma di prestiti alle imprese da parte della banca centrale, sul modello di quello britannico, offre un esempio di misure “non convenzionali” per il rilancio economico.

SPONSOR

Abbonarsi conviene: conoscere in tempo reale le novità del settore ti mantiene un passo avanti a tutti. L’abbonamento è uno strumento indispensabile per essere aggiornati quotidianamente su quanto accade nel settore e per avere risposte precise e puntuali alla proprie necessità e aspettative di informazione.

CERCA NEL SITO