LOGIN


ITA  ENG  RUS  CIN

 Putin lancia “Il potere della Siberia”, il gasdotto verso la Cina

Si chiama “???? ??????” (letteralmente “Il potere della Siberia”) il gasdotto che avrà il compito di aprire le porte della Cina al combustibile russo. La struttura, che nei piani di Gazprom connetterà gli impianti della Jacuzia e di Irkutsk con il confine cinese, arriverà fino a Vladivostok. A maggio, il gigante russo aveva firmato un accordo da 400 miliardi di dollari con la controparte cinese per la fornitura di 38 miliardi di metri cubi di gas l'anno. Il tutto sotto lo sguardo compiaciuto dei vertici cinesi e di Vladimir Putin, il quale lunedì dalla Jacuzia ha dato il via ai lavori.“Questo nuovo gasdotto – ha detto il presidente russo – ci permetterà non solo di accrescere le consegne ed espandere la geografia del nostro export, ma anche di fare un nuovo, grande passo in avanti nella fornitura di gas al territorio russo. Cosa importante, in particolare, per la parte orientale del Paese, per la Siberia e l'Estremo Oriente”.Ma, soprattutto, permetterà alla Russia di ridurre la sua dipendenza dai compratori europei. Cosa non da poco, dato che, a causa della crisi in Ucraina, l'Unione europea sta a sua volta cercando di ridurre la dipendenza dal gas russo. Preoccupata per l'inverno in arrivo e le schermaglie sui gasdotti di Kiev, Bruxelles comincerebbe a pensare a misure di emergenza per garantire il gas alle famiglie. Tra queste, il divieto di rivendita all'estero e le limitazioni all'uso industriale.

SPONSOR

Abbonarsi conviene: conoscere in tempo reale le novità del settore ti mantiene un passo avanti a tutti. L’abbonamento è uno strumento indispensabile per essere aggiornati quotidianamente su quanto accade nel settore e per avere risposte precise e puntuali alla proprie necessità e aspettative di informazione.

CERCA NEL SITO